Accedi o registrati

Sei un nuovo utente? Registrati

Hai un account su un social network? Accedi con il profilo che preferisci


Hai un account CrazyForSport o Gioca?

INTERVISTE

13/11/2011
DOPO IL DILUVIO…NOE’

Dopo la travolgente (ne so qualcosa io, letteralmente travolto e sommerso da 18 ragazzi, agli ultimi istanti di gioco…) vittoria al 94°  di sabato scorso, parlando con il mio interlocutore diretto ed anima viva della nostra compagine: Luigi Addino, abbiamo sottolineato l’inversione di tendenza di quest’anno della G. Netti, finalmente rifondata con ottimi frutti.

In un incontro dirigenziale estivo, posti davanti ad un bivio, necessitava una scelta determinante: Rifondazione della Netti, privilegiando i giovani o chiusura del capitolo calcio.

Sin dall’epoca Scaglione suggerivo rinuncia a quegli elementi che, dopo il solito inizio di impegno e promesse, disertavano, polemizzando, gli allenamenti consueti, proponendosi come pessimo esempio per i giovani verso l’esordio.Rendevano (o provavano…) sempre credibili giustificazioni personali. Dovevamo pregarli per avere la garanzia di una squadra di 11 elementi validi alla domenica. Ho suggerito anche rinunce a ripescaggi, privilegiando contesa e vittoria sul campo.

Ora bisognava cambiare radicalmente rotta. Non era concepibile rinunciare ad ogni velleità in campionato e sistematicamente ai Play off per negligenza atletica ed approssimazione arbitrale con una squadra per qualità e sostanza, sulla carta, sicuramente migliore di tante della sponda Jonica, regolarmente battute.

Quest’anno la decisione è stata decisiva: addio a chi non garantiva la sua presenza agli allenamenti nell’arco dell’anno, l’impegno agonistico, benvenuto a chi prometteva impegno costante. Non abbiamo considerato nomi e militanza, ma ricostituzione di un “gruppo” coeso.

Ed allora abbiamo scoperto tra i pali un portiere serio, con ottimo senso di piazzamento, garanzia di continuità, gradito è stato il ritorno di giovani come Roberti, Rapone, l’impegno di Schifino Giovanni, su cui lavorare ancora per un miglioramento sotto l’aspetto tecnico, Rosito, il taciturno, ma tecnico Cosentino, che negli anni potrà essere il nuovo Laurito con impegno e sacrificio. Intorno a loro i vecchi maestri Michele, Ciccio Laurito, Damiano, se smetterà di piagnucolare ad ogni puntura d’insetto… lui così gigantesco…Maurizio sfrecciante e leggero nel vento, Natale, goleador consacrato, contro giudizi e previsioni di tecnici discutibili, tornato da immeritato esilio ed infine Gianluca,che comunque ha battuto un record: ha superato un minuto per la solita ammonizione. Se arriverà a 90…e gradita la conferma degli altri. Con rimpianto non abbiamo più Luigi veloceVoto per la seconda volta transfugo, ma sospetto con grande nostalgia nel cuore ed Amato per motivi di studio (conquiste a parte…) ed altri su cui non considero. Il mister è lucido (nuovo) con carattere inverso alle intemperanze campestri. Scambiamo sovente frasi decise su fatti non tecnici durante gli incontri, ma resta il colloquio, il confronto civile a differenza di mediocri Soloni, inattaccabili del passato. Nel confronto si cresce e Leo dovrà lavorare ancora per levigare, smussare, migliorare i giovani  e il gruppo. Ispirandosi a Conte, della sua Juve, potrà guardare lontano e noi con lui. La strada intrapresa è quella vincente: sempre vincenti, un solo pareggio. Poi vedremo a fine torneo…essere primi…"rischiare" il cambio di una categoria, cui sono legato da quando giocavo…  rinviamo il discorso.

Resterà, comunque, la soddisfazione di andare ogni limite, noi, alla periferia calabra e più vicina ai lucani che alla lontana Rossano leghista (leggasi Lega Calcio).

Noi con i giovani abbiamo rifondato il futuro. Dopo il diluvio, sarà Noè a riportare freschezza in genetica ed animo umano, prenda esempio il mondo arbitrale per garantire un livello di sufficiente qualità. Necessita poco protagonismo, ma sostanza e giudizio. Si chiuda in “Camera” il nostro ultimo arbitro e riveda la contrapposizione tra democrazia e monarchia, aristocrazia, oligarchia e tirannide. Capirà che ogni protagonismo (ilare) avvicinerà all’anatroccolo o a paperino…scelga.

Il solo tentativo di Qualità, sostanza, giustizia significa vittoria al migliore e noi da anni siamo i migliori !